Paola maria lussoglio
ostetrica e levatrice
 
 
 
Il PERINEO, PAVIMENTO PELVICO o DIAFRAMMA PELVICO
 
 
I Muscoli della Salute Femminile
 
Esistono diversi modi per chiamarlo ma tutti si riferiscono a quella parte muscolare del corpo che si appoggia sulla sella della bicicletta quando si pedala.
E' costituito da una serie di strati muscolari che fanno da pavimento alla pelvi.
La pelvi, detta anche bacino, è quel solido scrigno osseo madreperlato dentro il quale le donne custodiscono e proteggono i preziosi organi di sopravvivenza della specie, detti anche organi pelvici che sono la vulva e la vagina, l’utero, le tube e le ovaie e vicini a loro altri organi vitali quali la vescica e il retto, parte terminale dell’intestino.
Questo insieme di muscoli, con la complicità di altre strutture che sono le fasce e i legamenti forma una specie di amaca e possiede diverse, complesse e preziose funzioni fra cui le più conosciute:
 
    * il sostegno degli organi pelvici e la statica pelvica, cioè la giusta posizione nel bacino di questi organi e la corretta relazione fra di loro
    * il controllo volontario dei meccanismi di contenimento e svuotamento dei contenuti degli organi pelvici (urina, feci e gas)
    * il piacere sessuale caratterizzato dalla percezione delle sensazioni, l’eccitazione e l’erezione nell’uomo, l’accoglienza del pene e l’orgasmo.
    * il parto durante il quale il perineo si schiude per far passare il bambino e accompagnarlo verso il mondo
 
Oltre a queste sono importantissime le funzioni circolatorie, respiratorie e posturali.
 
Le problematiche in cui è coinvolto più o meno direttamente il pavimento pelvico sono molteplici e sono legate alla sua compromessa funzionalità che può dipendere anche da un alterazione del tono muscolare: troppo rilasciato o troppo contratto.
 
 
NOVITA' per chi ha un prolasso (utero o vescica): non è un uovo ma un piccolo cubo di silicone che tiene al suo posto l'organo ballerino e che la donna si gestisce da sola mettendolo e togliendolo dopo un periodo di addestramento del quale mi occupo da un pò di tempo.
 
IL PERINEO e i MUSCOLI della SALUTE FEMMINILE
MARTEDI' 17 OTTOBRE 20.30/22.30 in Via San Donato 79/C
Incontro DIVULGATIVO e TEORICO ad ingresso libero rivolto a donne di tutte le età per approfondire la conoscenza di quell'insieme di muscoli che contribuiscono all'armonia di funzioni vitali come la continenza, la sessualità e il parto. E' infatti la presa di coscienza, insieme ad un percorso di rieducazione ed allenamento mirati, che permettono una prevenzione efficace e duratura di molti disturbi femminili (incontinenza urinaria, contratture perineali, vulvodinia o prolassi) Adesioni tel o con sms al 3294087849 paolaluss@gmail.com  www.paolalussoglio.it
 
GIORNATA sulla SALUTE SESSUALE e PERINEALE  in programmazione
Presso lo Studio Olivero in Via Bagetti 20
Per chi non mi conosce (oppure mi conosce ma non ha mai fatto sedute individuali con me) e vuole chiacchierare su una problematica che riguarda la sessualità e/o il pavimento pelvico (incontinenza urinaria, vulvodinia, prolassi) o il diaframma contraccettivo, dedico questa giornata a colloqui informativi di 30 minuti dalle 15 alle 19 previo appuntamento tel al 3294087849.
 
Prevenzione e Promozione della Salute
 
Con poche sedute individuali è possibile  imparare a percepire ed allenare i muscoli del pavimento pelvico con un programma personalizzato per potenziare le sue competenze e prevenire le diverse problematiche legate a questo complesso di muscoli.
Questo percorso è adatto per le donne di tutte le età che vogliano conoscersi meglio ed è indicato in gravidanza se si presentano delle problematiche urinarie, dopo il parto specie se è stato difficile, in menopausa e prima o dopo gli interventi ginecologici.
 
Cammino rieducativo e riabilitativo
Questo percorso consiste in una serie di sedute individuali condotte dall'Ostetrica durante le quali si impara ad esercitare in modo corretto i muscoli del pavimento pelvico per eseguire poi a casa gli esercizi prescritti e riacquisire le competenze compromesse, contenere certi disturbi, imparare a gestirne e a prevenirne altri.
 
 
GINNASTICA del PERINEO in GRAVIDANZA
    In questi ultimi tempi se ne fa un gran parlare e per questo sento il bisogno di fare un pò di chiarezza in merito ed esprimere le mie riflessioni.
Ho il timore che si fraintenda il partorire come un fatto di fatica e di prestazioni fisiche che, se ben esercitate, favoriscono un buon parto.
Allora due sono i punti su cui meditare attentamente:
...il bambino sa nascere e ha solo bisogno che il corpo lo lasci venire al mondo senza spingerlo fuori malamente
...il perineo sa lasciare andare il bambino se la donna si sente a suo agio, viene  protetta la sua intimità e rispettati i suoi tempi
I muscoli del perineo non sono solo una porta che deve allenarsi ad aprirsi e chiudersi a comando.
...la donna sa spingere il suo bambino se va tutto bene, le si riconoscono le sue capacità innate, il cammino del travaglio è fisiologico e non le si mette fretta giunta alla dilatazione completa perchè spesso, da questo momento alla voglia di spingere il bambino, può passare anche un pò di tempo e si dovrebbe aspettare..
    Semmai, da un punto di vista muscolare, un buon perineo, capace di svolgere armoniosamente le funzioni ordinarie e straordinarie della vita, è un perineo agile, in grado di adattarsi e usare l’energia del movimento nella misura ogni volta necessaria, un perineo capace di contrarsi ma anche di rilasciarsi per fluire con il ritmo della vita nella complicità del respiro.
Dico sempre alle donne che una buona coscienza e conoscenza servono per partorire bene ma
che più di tutto è importante scegliere con attenzione il luogo della nascita perchè il perineo, la donna e il bambino vengano accolti, capiti, aspettati e rispettati.
Non è forse inutile e frustrante preparare, allenare, il perineo per affidarlo in mani che frettolosamente lo incideranno a prescindere dalle sue risorse?
Scegliere un buon luogo per nascere non è impossibile, o comunque vale la pena provarci...
 
 
Dalla parte del perineo o dalla parte della donna?
 
 
A proposito di....
BOULE DE GEISHA, PALLE E PALLINE, CONI VAGINALI e ATTREZZI GINNICI per la PATONZA
 
    Dunque ora dico la mia, dato che il mercato del fitness vaginale sta spopolando e non so che altro si inventaranno, che poi di nuovo c’è poco, considerate le antiche pratiche dell’Uovo del Tao.
 
 
Per farla breve, tutti questi aggeggi ergonomici per la vagina e dunque ovali, sferici, cilindrici o simil penieni, vengono consigliati per esercitare i muscoletti del perineo semplicemente (e non è sempre così facile) tenendoli dentro o muovendoli facilitate dalla percezione della loro presenza.
 
    L’idea perciò è decisamente buona e per questo è sopravvissuta nel tempo, tuttavia ci sono una serie di limiti da tener ben presente.
 
    Premesso che qualsiasi attrezzo o pratica o buon pensiero rivolto alla genitalità fa bene perchè l’attenzione nutre sempre ciò verso cui è diretta e dunque che qualsiasi esperienza percettiva non dolorosa (ad eccezione del partorire) rappresenta un’opportunità di coscientizzazione preziosa, questo modo di esercitarsi a mio parere può essere utile, divertente, perfino eccitante, per le donne che non hanno problematiche legate al pavimento pelvico.
 
    Per le donne che invece hanno disturbi legati all’ipotonicità e/o alla contrattura dei muscoletti (incontinenza, vulvodinia, dolore ai rapporti, e altri) l’utilizzo di questi aggeggi può essere addirittura controproducente: pensate alla difficoltà di tenere dentro qualcosa (di pesi variabilissimi) avendo perso la forza o avendola tutta impiegata nella tensione senza neanche essere consapevole del proprio limite muscolare.
 
    Perciò in un cammino riabilitativo si utilizzano sia le palline che i cosiddetti coni vaginali, ma in un preciso passaggio del percorso e scegliendo l’attrezzo giusto per ogni singolo caso e donna.
 
Se però ve le hanno regalate o vi siete fatte convincere, provateci comunque prima di appenderle all’albero di Natale e fidatevi del vostro corpo e della vostra “Natura” che vi saprà dire se fa davvero per voi o per l’albero...!
 
 
 
abisso   espansione   onde   intreccio   solidità    terra acqua
rosso fuoco Teresa
 
Finalmente
 
Finalmente il cielo e la terra si sono incontrati  riconosciuti
    solidità e leggerezza fusi da sempre ora lo sono consapevolmente
quando lassù c'era paura sotto rispondeva chiusura
quando lassù c'era gioia proprio là in fondo non si sentiva certo la noia
    Tutto questo è venuto alla luce, ora laggiù c'è una voce che dice
finalmente lassù con attenzione si ascolta: certamente è avvenuta una svolta
                    perchè
    
Laggiù c'è uno scrigno prezioso
contiene colore  umore  tepore  forse anche dolore
quando non c'è un rapporto d'amore
    Laggiù c'è un grande respiro e qualche sospiro
onde che vanno lontano prendendo dolcemente la mano
    e poi tornano piano
vibrazioni di luce e di gioia che invadono come l'aurora
e si espandono fino lassù dove nulla esiste più
    Così tutto è compiuto, il corpo si è unito
finalmente tutto insieme ha gioito
    grazie Paola
 
Con la terra e gli abitanti del mare
ti abbraccio        Teresa                                            Torino 14-3-08
 
 
 
 
Torino Ottobre 2017