Paola maria lussoglio
ostetrica e levatrice
 
 
Paola Maria Lussoglio
 
Vivo e lavoro a Torino come Libera  Professionista e ho voluto creare questo luogo di lettura, storie, informazioni e saperi per raccogliere e far viaggiare nei mondi le mie riflessioni, idee e proposte sulla Salute delle Donne.
 
    Sono certa che esistano molti nuovi e antichi sentieri che le donne possano percorrere, da sole e con altre donne, per ritrovare aspetti preziosi della Femminilità grazie ai quali sentirsi bene, belle, vive, sapienti e fiere di sé.
 
    Il mio intento è quello di valorizzare una delle dimensioni più trascurate e contrastate del femminile che è quella della Saggezza del Corpo e mi piacerebbe che queste pagine di Saperi e di Pensieri potessero guidare le donne verso intriganti cammini di conoscenza stimolando la curiosità verso la ricerca.
 
Mi sono Diplomata a Torino nella Scuola del Sant’Anna
Infermiera Professionale nel 1987
Ostetrica nel 1989
Consulente Sessuale nel 2004 presso l’Istituto Internazionale di Sessuologia di Firenze
 
Ieri...
Dopo 5 anni di attività ospedaliera, dal 1989 al 1994, ho intrapreso la Libera Professione occupandomi nei primi anni di Assistenza al Parto a Domicilio che ho poi abbandonato per dedicarmi interamente alla Riabilitazione del Pavimento Pelvico, agli interventi rivolti alla Conoscenza del Corpo Femminile e alla Educazione Sessuale per donne, genitori e bambini.
 
La mia grande e innata curiosità, insieme alla voglia di imparare di più oltre a quello che i percorsi scolastici tradizionali mi avevano insegnato, mi ha portata a conoscere molto altro ancora e il vero respiro di come vivo il mio mestiere sta forse nel continuare ad aver bisogno di saperne sempre di più favorendo tuttavia le strade in cui l’esperienza personale sia centrale.
 
Partita dalla Bioenergetica, sono approdata nei primi anni 90 alla Scuola Elementale di Arte Ostetrica di Firenze, ai tempi ancora Il Marsupio, divenendo collaboratrice della rivista Donna&Donna e Ostetrica Formatrice.
 
Nel tempo ho continuato a  sperimentare pratiche corporee capaci di darmi risposte con il corpo e che considerassero l’interezza del mio essere.
    A tutti i Maestri da cui ho avuto la possibilità di imparare perfino nel solo osservarli o discorrere con loro al volo, dico GRAZIE
 
Ai BAMBINI, i miei e tutti quelli del pianeta, perchè il mondo bambino è il Regno di ogni Sapere!
 
Ad Antonia Manenti, l’Ostetrica che ha prima rivoluzionato il reparto di Ostetricia dell’Ospedale di Moncalieri negli anni 70, e poi mi ha fatto capire di essere un corpo
 
A Verena Schmid, l’Ostetrica che mi ha accompagnata nella vera altra Ostetricia e ha dato fiducia alla mia passione per la scrittura e con lei a Marta Campiotti e a tante altre Sagge Ostetriche
 
A Roberta Giommi e Giorgio Abraham, i sessuologi della Poesia del Piacere
 
A Dominique Degranges cui devo la scoperta dell’Intuizione
 
A Flavia Manhic, la Fisioterapista che con Antonia mi ha svelato la Potenza del Perineo
 
A Giordana Valli per avermi iniziata all’Eutonia, pratica grandiosa di Ascolto del Corpo e a tutti quelli che l’hanno seguita....Luciano De Stefanis, Francesco Gasto e Raymond Murcia
 
A Munira, la donna tunisina che mi ha trasmesso il Sapere della Cura nell’Hammam
 
A Maia Cornacchia, la mia ultima preziosissima Maestra Filosofa del Sapere Organico
 
    Potrei citarne molti altri, ma non finirei mai e alcuni preferisco custodirli unicamente e gelosamente nel mio Cuore....
 
 
Oggi...
Da sempre bisognosa di confronto con altri miei simili, per far moltiplicare le conoscenze, nel 2006 ho radunato alcune Ostetriche e una Fisioterapista appassionate tutte di Riabilitazione Perineale ed è così che sono nate le Comari del Perineo Felice con le quali prosegue un costante lavoro di ricerca, supervisione, complicità e amicizia!
 
 
Ostetrica, Levatrice e Comare, ma non Dottoressa
    Sono un’Ostetrica: quando lo dici alle donne loro iniziano a raccontarsi, i loro parti, ma non solo, allora ti rendi conto che questa parola è potente, antica e universale, direi archetipica, appartiene ad un inconscio collettivo in cui l’Ostetrica occupa un posto speciale per la confidenza che richiama, persino con gli uomini.
 
Levatrice porta con sè una memoria ancora più antica, è una parola dolce e molto poetica.
 
Comare mi sa di paesi caldi e di mare e di comaricciamenti complici fra donne.
 
 
Molti mi chiamano Dottoressa confondendomi con un medico, forse una ginecologa, oppure perché pensano di farmi un favore elevandomi di grado, ma così non è.
 
La nuova formazione delle Ostetriche, che conseguono una Laurea Triennale e dunque acquisiscono il titolo di Dottoressa, ha creato un equivoco nella gente che, a mio parere, non ci è di aiuto perchè confonde e distrae dalle nostre più peculiari competenze.
    
 
 
 
Questo bellissimo Cuore è stato inventato per me
da Comare Erica Bosio e dipinto da Compare Matteo Landi    
 
 
Torino Ottobre 2017